Le Recensioni di Alex: "Una più uno" di Jojo Moyes



La vita è una scatola di pastelli colorati, ognuno di essi è un dono, ogni colore potremmo paragonarlo ad un sentimento: il giallo per la gioia, il rosso per l'amore, il grigio per le difficoltà...
Ma è solo unendoli tutti che potremmo creare l'arcobaleno: la nostra vita.


Jojo Moyes racconta la quotidianità di una famiglia caotica e disagiata, di una madre che cerca di barcamenarsi fra un piccolo prodigio della matematica e un adolescente con una personalità un po' sopra le righe; il tutto con l'aiuto di piccoli lavori saltuari, che di fatto rendono impossibile arrivare a fine mese.

Una madre, Jess, che è una delle poche protagoniste che ha suscitato in me un'immediata empatia. Vuoi per la sua tenacia, o per l'infinito amore con il quale avvolge e protegge i suoi figli, o semplicemente perché non ha bisogno di avere dei super poteri, per essere straordinaria com'è.

Un libro che racconta la vita nella sua più cruda quotidianità, nei suoi momenti bui, nelle sue piccole meraviglie, in tutti quegli istanti che ci portano proprio dove dovremmo essere, o a chi siamo destinati. Perché in certi libri è impossibile non credere all'inevitabilità del destino.

Un viaggio in auto che inizia non proprio sotto i migliori auspici, che invece in un modo o nell'altro segnerà il destino di tutti loro.

Jess, Tanzie e Nicky incontreranno per caso un taciturno e poco affabile mister Nicholls, e intraprenderanno insieme un lungo viaggio; fatto di disavventure, soste improvvise per mal d'auto e bava di cane... Fatto di tramezzini e B&B, di algoritmi e intricati calcoli algebrici, e di respiri che scandiscono il silenzio e la felicità.

La Moyes è sempre una garanzia quando ci si vuol far male, anche solo leggendo.

Dopo Will e Clark pensavo di non poter amare di più altri suoi protagonisti, invece Ed e Jess sono riusciti ad entrarmi nel cuore, forse proprio perché incasinati e tremendamente imperfetti.

Con uno stile fluido e ricco di particolari la Moyes racconta uno scorcio della vita di quattro persone, dei loro sogni, aspettative e della tenacia e forza con cui cercano di ottenerli.
Una piccola meraviglia che attraverso molte frasi mi ha fatta riflettere, commuovere e sorridere, perché i libri più belli, per rimanerci dentro, devono essere in grado di lasciarci un insegnamento vero.

Particolare e bellissimo ❤

La valutazione di Alex:
L’autrice:
Jojo Moyes
Jojo Moyes
È nata ed è cresciuta a Londra.
Ha lavorato come giornalista da Hong Kong per il «Sunday Morning Post» e per dieci anni all’«Indipendent», ma dal 2002, dopo il successo del suo primo romanzo, si dedica a tempo pieno alla narrativa.
È autrice di oltre sette romanzi, tutti best seller internazionali e vincitori di numerosi premi letterari.
In Italia sono stati pubblicati: Foto di famiglia (Sonzogno, 2003), Silver Bay (Mondadori, 2009), L'ultima lettera d'amore (Elliot, 2011), Io prima di te (Mondadori, 2012) e Luna di miele a Parigi, La ragazza che hai lasciato e Una più Uno (Mondadori, 2014).
Vive in una fattoria dell’Essex con il marito giornalista e i suoi tre figli.️ 

Alex - Il Cibo della Mente

14 commenti

  1. Ciao Alex! Anche io ho letto "Io prima di te" un vero e proprio gioiellino e devo dire che questo suo altro libro sembra proprio promettere bene. Il fatto che poi sia un libro "on the road" mi da una spinta in più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jessica ho adorato immensamente Will e Clark, ma i protagonisti di questa storia sono tutti allo stesso modo straordinari, e facili da amare!
      Il viaggio è l'inizio di tutto ❤️

      Elimina
  2. Io ancora non ho letto niente di suo. Ma ero molto tentata a prendere un suo libro, e adesso, con la tua magnifica recensione lo farò sicuramente :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arianna devi assolutamente leggere la Moyes perché è fantastica ❤

      Elimina
  3. Io l'ho letto la scorsa settimana e l'ho adorato <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oramai mi aspetto sempre un'ottima prova dalla Moyes... è una conferma!

      Elimina
  4. Io lo devo comprare. Non ho mai letto nulla della Moyes quindi non conosco il suo stile. Vado a fiducia! :)

    RispondiElimina
  5. Non ho mai letto un suo libro suo ma mi fido di voi e lo aggiungerò alla mia lista

    RispondiElimina
  6. Non ho letto ancora nulla di questa autrice. La recensione è veramente bellissima. Forse un giorno mi convincerò a leggere qualcosa di suo...

    RispondiElimina
  7. Cercavo proprio una recensione su questo libro.
    Della Moyes ho letto soltanto "Io prima di te" e mi ha devastata così tanto che sentivo il cuore rompersi nel petto mentre leggevo e anche dopo.
    Quindi mi sono incuriosita al suo stile e ai suoi libri usciti. Ho girato alla Feltrinelli un paio di giorni fa e ho visto la copia di questo romanzo sia italiana che originale, ma prima di prendere uno dei due volevo legger qualche parere.
    Beh, sappi che mi hai convinta. Di solito non riesco a rapportarmi bene a un libro che ha protagoniste troppo giovani o più lontane dalla mia età (ho 22 anni), ma con questo sono certa di potermi immedesimare. Quindi correrò a comprarlo.
    Grazie Alex!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valery sono una grande fan della Moyes, vuoi per il suo stile o soltanto per la semplicità con cui riesce a raccontare delle storie che hanno un so che di straordinario. Ma io la adoro.
      Fino ad ora di suo ho letto solo un libro che non mi ha fatto impazzire: Silver bay. Credo però risalga agli inizi della sua carriera, e magari doveva ancora maturare questo talento incredibile che possiede ;)
      Fammi sapere cosa ne pensi ^_^

      Elimina
  8. Di questa autrice per ora ho letto solo Io prima di te. Questo romanzo non lo conoscevo, ma dalla trama sembra carino :)

    RispondiElimina
  9. Anche questo sembra bellissimo. E particolare, come hai detto tu, e come mi sembrano tutti i libri della Moyes. E pensare che non ho ancora letto "Io prima di te".

    RispondiElimina
  10. io da quando ho letto io prima di te l'ho adorata sicuramente comprerò altro di suo

    RispondiElimina

Back to Top